“Sally”: è lei la mia compagna fidata – la mia fighissima ypsilon. Eh sì proprio così: ho dato un nome alla mia macchina! Perché diciamoci la verità è il momento di sfatare il mito che le macchine sono “cose” da uomini.

Un uomo utilizza la propria automobile nelle sue due funzioni essenziali: spostarsi da un posto all’altro e dar sfogo al testosterone spingendo sull’acceleratore. Una donna…beh una donna ne sfrutta al cento per cento il potenziale e addirittura lo moltiplica. Perché diciamocelo per noi ragazze la macchina è una vera e propria compagnia di vita, che ci vede ridere e piangere, che si sente cantare e urlare.

Sono tante le scene che mi vengono in mente: le canzoni cantate a squarciagola in estate coi finestrini abbassati e il vento che scompiglia i capelli, il primo bacio al mio grande amore, le bandiere sventolanti e i colpi di clacson alla vittoria dei mondiali 2006, le contrazioni in viaggio verso l’ospedale per l’appuntamento più emozionante della mia vita.

Staying in the back seat of my car making up. So come out tonight…I’ll take you for a ride – Roxette in Sleeping in my car

E così, da ragazzine la macchina diventa un confessionale, quando riportiamo a casa la nostra migliore amica e le confessiamo i nostri problemi di cuore.

Da giovani mamme, diventa una culla per la nostra bimba in fasce e si trasforma in un divano temporaneo, parcheggiate fuori casa per non svegliarla e tenerci stretti quei venti minuti di quiete in cui leggere qualche pagina di un libro o fare shopping su amazon.

Da donne in carriera, diventa il guardaroba in cui mettersi una giacca appena stirata e sistemarsi il rossetto prima di un colloquio o una presentazione importante.

Da bambine, diventa il luogo in cui tutto è concesso (tablet, cracker e giochi vari) per permettere a noi genitori di fare più di 100 chilometri mantenendo la sanità mentale. 😉

Io in macchina mangio, ascolto musica, faccio telefonate “chilometriche”, mi cambio, mi trucco, mi rilasso, mi sfogo, mi diverto, ma soprattutto percorro le strade della vita, con i suoi alti e con i suoi bassi.

E voi cosa fate nella vostra macchina che ancora non abbia provato io?